MENU
Altre informazioni sui dintorni

Piazza Walther, la più importante di tutta Bolzano

Considerata il salotto di Bolzano, Piazza Walther von der Vogelweide è una, se non la principale piazza del capoluogo altoatesino. In essa si svolgono molti eventi e manifestazioni come ad esempio il Mercatino di Natale, la Festa dello Speck, la Festa della Zucca e quella dei Fiori.

Piazza Walther

Situata al centro della piazza, la statua del minnesinghero Walther von der Vogelweide troneggia imponente. Nato nel 1168 e deceduto nel 1228, era probabilmente originario del maso “Vogelweiderhof”, situato nella palude di Laion, in Valle Isarco.

Piazza Walther, in posizione centrale, è vicina ad altri luoghi d’interesse della città: il Duomo, la stazione ferroviaria, i Portici e il palazzo della posta. La piazza venne costruita nel 1808 per volere del re Massimiliano di Baviera, del quale prese inizialmente il nome (Maximilianplatz). La piazza si trovava originariamente al di sopra di un vigneto di proprietà del re stesso, il quale lo vendette al Comune di Bolzano per 3.000 Gulden, con la condizione che lo si trasformasse in una piazza.

Inizialmente consisteva in una semplice distesa di terra battuta, attorno alla quale nacquero i primi alberghi come l’Hotel Grifone-Greif, nato dall’antica locanda “Zum Schwarzen Greif” (in italiano “Al Grifone Nero”) risalente al 16° secolo.

Piazza Walther nel centro di Bolzano

Successivamente la piazza prese il nome di “Johannesplatz” dall’arciduca Giovanni d’Austria. Il monumento del celeberrimo trovatore Walther von der Vogelweide venne realizzato nel 1889 e nel 1901 la piazza venne dedicata a lui. Con l’annessione dell’Alto Adige all’Italia la piazza venne dedicata al re Vittorio Emanuele III e la statua del minnisinghero venne spostata nel Parco Ducale nell’anno 1935. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale la piazza assunse il nome della Madonna e, successivamente, la statua di Walther venne riportata al suo luogo originale, ridando il nome alla piazza.